L’Organizzazione mondiale della sanità ha detto che circa 140mila persone sono morte di morbillo nel 2018

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha detto che nel 2018 il morbillo ha infettato quasi 10 milioni di persone e ne ha uccise circa 140mila, perlopiù bambini con meno di cinque anni che non erano stati vaccinati.

Il direttore generale ha detto che «la morte di un bambino per una malattia evitabile con un vaccino fa sinceramente indignare ed è un fallimento collettivo».

I dati sul 2019 forniti dall’OMS non sono ancora definitivi ma mostrano una situazione ancora peggiore: i casi sarebbero infatti aumentati di tre volte nello stesso periodo del 2018.

Gli Stati Uniti hanno già fatto sapere che nel 2019 c’è stato il maggior numero di casi degli ultimi 25 anni mentre nel 2018 quattro paesi europei – l’Albania, la Repubblica Ceca, la Grecia e la Gran Bretagna – avevano perso la qualifica di stati senza morbillo dopo che si erano verificati alcuni casi.

Liguria, si apre uno spiraglio per gli Oss di Coopservice

Sono mesi che gli operatori socio sanitari in servizio all’Asl 5 tramite Coopservice, hanno lanciato un grido disperato per la loro condizione. Sono in 158 e rischiano di perdere il loro posto di lavoro, che per 18 anni è stata una situazione lavorativa anomala, con appalti al ribasso, facendo doppi turni e spesso saltando i riposi. Il consiglio regionale di lunedì 2 dicembre sembra aver aperto uno spiraglio, ma lo stesso emendamento approvato in Regione (emendamento Pucciarelli) è stato bocciato in Senato.

Oss La Spezia, regione apre a in house altrimenti aiuto dal Parlamento

Un tavolo tecnico-politico, con la partecipazione anche di tutti i parlamentari spezzini, per garantire la continuità occupazionale ai 158 operatori socio sanitari dell’Asl 5 Spezzina, in vista dell’internalizzazione del servizio e cercando di evitare le procedure concorsuali.

È l’obiettivo di un ordine del giorno approvato il 2 dicembre all’unanimità dal consiglio regionale della Liguria, nel corso della seduta straordinaria dedicata alla sanità e voluta dalla minoranza. Applausi dai lavoratori che fin dalla mattina assiepavano gli spalti.

Il tavolo dovrà verificare alcune strade alternative proposte dai consiglieri. L’opzione preferita da lavoratori e opposizioni è quella della costituzione di un una società in house della Asl 5 Spezzina, previo via libera della Corte dei Conti, per assumere tutti i 158 operatori attualmente alle dipendenze di Coopservice.

In alternativa, si chiede di valutare la possibilità di un intervento legislativo nazionale ad hoc che garantisca l’assunzione diretta degli operatori da parte della pubblica amministrazione, scontrandosi però con lo scoglio dell’articolo 97 della Costituzione.

Altra ipotesi da affrontare, quella di una legge regionale che, a prova di impugnativa, trovi lo strumento più adatto per risolvere l’impasse. L’ultima opzione chiama sempre in causa il Parlamento, per un progetto di legge generale che consenta di applicare la clausola di salvaguardia sociale nella pubblica amministrazione in caso di procedure di internalizzazione.

Sfida la tempesta per andare a lavoro, muore travolta dalla piena

Ha sfidato la tempesta per andare a lavoro, ma la piena del Bormida l’ha travolta. È morta così una Operatrice socio sanitaria di 52 anni che lavorava nella casa di riposo “Santa Giustina” di Sezzadio, piccolo paese tra Acqui e Alessandria.

Oss uccisa dal Bormida: ha sfidato la tempesta per andare a lavoro

Aveva 52 anni la donna morta travolta dall’onda di piena del fiume Bormida. Viveva a Gramelero, in provincia di Alessandria con il marito e il figlio. E per tutta la vita aveva lavorato con gli anziani.

Era una Oss e tutti i giorni lavorava nella casa di riposo “Santa Giustina” di Sezzadio, piccolo paese tra Acqui e Alessandria. Lo aveva fatto anche ieri mattina. Non poteva sopportare che la sua mancanza potesse mettere in difficoltà le colleghe che con lei erano di turno per accudire gli anziani. Lei amava il suo lavoro – raccontano alcuni di loro al Corriere – Ed era molto apprezzata per come svolgeva le sue mansioni.

Una donna determinata. Talmente tanto da decidere di raggiungere a piedi la casa di riposo. Nonostante il pericolo dell’esondazione del fiume e l’acqua che già le arrivava alle caviglie. Lo aveva detto anche al marito, nella sua ultima chiamata del mattino. Continuo a piedi – gli aveva confidato – Qui è tutto allagato.

Poi si era incamminata sul viadotto chiuso e transennato qualche ora prima dalla protezione civile visto il pericolo imminente di esondazione. A precederla un’altra vettura, una Mercedes Classe A. Le due persone a bordo avevano spostato i cartelli di pericolo e attraversato il viadotto poco prima. La loro auto si era però spenta a causa dell’acqua alta sul ponte bloccandoli di fatto all’interno dell’abitacolo.

L’Oss ha provato a soccorrerli, con la torcia del cellulare in mano ha provato ad aiutarli. La corrente però è stata più veloce di lei. L’ha trascinata via insieme con l’auto sulla quale, in un gesto disperato, aveva cercato riparo.

Per lei non c’è stato nulla da fare. L’auto, recuperata a quasi mezzo chilometro dal viadotto, non le ha dato scampo. I due automobilisti invece si sono salvati. Scesi al volo dalla vettura sono riusciti ad aggrapparsi ai rami di un albero. Hanno visto la piena trascinare via Rosanna sotto i loro occhi. Senza poter fare nulla. Sono poi stati portati in salvo dai vigili del fuoco e trasferiti all’ospedale di Alessandria in ipotermia.

STOP Aggessioni nella Sanità, FP CGIL pubblica il vademecum

La violenza nei luoghi di lavoro è ormai riconosciuta sin dal 2002 come un importante problema di salute pubblica nel mondo (World Health Organization, 2002).

Il National Institute of Occupational Safety and Health (NIOSH) definisce la violenza nel posto di lavoro come “ogni aggressione fisica, comportamento minaccioso o abuso verbale che si verifica nel posto di lavoro”. Gli atti di violenza consistono nella maggior parte dei casi in eventi con esito non mortale, ossia aggressione o tentativo di aggressione, fisica o verbale, quale quella realizzata con uso di un linguaggio offensivo.

Ogni anno in Italia si contano 1200 atti di aggressione ai danni dei lavoratori della sanità, che è come dire che il 30% dei 4mila casi totali di violenza registrati nei luoghi di lavoro riguarda medici infermieri ostetriche, farmacisti… insomma coloro che curano o si prendono cura dei cittadini. E nel 70% dei casi le vittime delle aggressioni sono donne. La classifica dei luoghi maggiormente colpiti dalla violenza nel 2017: al primo posto troviamo i Pronto soccorso con 456 aggressioni, seguono i reparti di degenza con 400, gli ambulatori con 320, gli Spdc con 72 atti di violenza, le terapie intensive con 62, le aggressioni al 118 sono state 41, 37 invece quelle nell’ambito dell’assistenza domiciliare, 20 nelle case di riposo e, infine, 11 nei penitenziari.

Passando alla tipologia di violenza: il 60% sono minacce, il 20% percosse, 2 il 10% violenza a mano armata e il restante 10% vandalismo. Ma chi commette violenza? Il 49% sono i pazienti, il 30% i familiari, l’11% i parenti e un 8% sono gli utenti in generale.

Le fasce orarie più a rischio sono quelle della sera e della notte e, sondando i medici, la percezione di violenza è aumentata secondo il 72% ed è in forte aumento per l’8%.

Di concreto c’è il danno economico: nel 2017 sono state 3.783 le giornate di lavoro perse, in netto aumento rispetto agli anni precedenti con 1.522 giorni di prognosi nel 2014, 2.397 nel 2015 e 3.140 nel 2016. Tradotto in soldi, nel 2017 i danni economici ammontano a 30 milioni a carico del Sistema sanitario nazionale, contro i 12 milioni del 2014.

Gli episodi di violenza nei confronti del personale sono considerati eventi sentinella perché segnalano la presenza che nell’ambiente di lavoro vi siano situazioni di rischio e vulnerabilità che necessitano l’adozione di misure di prevenzione e protezioni dei lavoratori.

Qualunque operatore sanitario può essere vittima di atti di violenza, i medici gli Infermieri e gli OSS sono quelli a più alto rischio perché sono a contatto diretto con il paziente e devono gestire una condizione in cui la componente emotiva è molto vulnerabile sia per il paziente che per i parenti, molto di più se sotto effetto di alcol e droga.

Cosa DEVE fare il lavoratore in caso di probabile aggressione? Ecco il vademecum pubblicato da FP CGIL.

Truffato con un finto corso, 29enne disoccupato si suicida.

La truffa e il dramma. Da una parte chi specula sui bisogni dei giovani disoccupati alla ricerca di un lavoro. E dall’altra la disperazione di chi quell’occupazione, malgrado titoli di studio, non riesce proprio a trovarla. Un giovane calabrese – da anni senza lavoro – si è tolto la vita, dopo aver scoperto di essere stato raggirato da una sedicente scuola che aveva frequentato perché convinto di conseguire il diploma di operatore socio sanitario, in realtà falso.   Dalle indagini dei Nas effettuate sull’organizzazione di oltre 30 corsi per i cosiddetti ‘Oss’, è emerso che in realtà le attività di formazione professionale avevano soltanto lo scopo di procurare vantaggi economici a chi le organizzava. I corsi venivano gestiti attraverso una scuola professionale con sede ad Altomonte (Cosenza), la “Sud Europa”, non accreditata alla Regione Calabria. L’operazione, che ha portato all’arresto di sei persone, accusate di associazione per delinquere finalizzata alla truffa ed al falso, ha consentito di scoperchiare un pentolone di nefandezze e speculazioni. Si è scoperto, infatti, che i titoli professionali rilasciati, a fronte dei notevoli sacrifici anche economici sopportati da chi li ha frequentati (i corsi costavano in media duemila euro), erano in realtà soltanto “carta straccia” perché privi di qualsiasi valore legale.    Ed è stata proprio la consapevolezza di essere rimasto vittima di una truffa, malgrado le tante speranze riposte nell’iniziativa, ad indurre al suicidio un giovane che aveva partecipato ad uno dei corsi.

Il particolare é stato rivelato dal comandante del Nas di Napoli, il colonnello Vincenzo Maresca, nel corso della conferenza stampa sull’operazione svoltasi nella Procura di Castrovillari.”Il giovane, disoccupato da anni – ha detto l’ufficiale – é stato sopraffatto dalla disperazione e si é tolto la vita, non riuscendo a sopportare la delusione per quanto aveva subito”. Sulla vicenda del giovane suicida il Procuratore di Castrovillari, Eugenio Facciolla, ha detto che “le indagini sono ancora in corso. Stiamo verificando – ha aggiunto – anche l’ipotesi di istigazione al suicidio. La morte del giovane risale ad un’epoca antecedente l’avvio delle indagini. Stiamo approfondendo e verificando tutto, comunque”.   Le sei persone destinatarie dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Castrovillari sono quattro imprenditori del settore della formazione professionale, due residenti nell’hinterland cosentino e due nel napoletano, e due dipendenti dell’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza.

Il ruolo di questi ultimi, in particolare, sarebbe stato strategico per portare a termine la truffa. I due, infatti avrebbero contattato persone di loro conoscenza per proporre la partecipazione ai corsi. Gli stessi dipendenti, inoltre, avrebbero organizzato incontri nell’ospedale di Trebisacce (Cosenza), in cui svolgevano le loro mansioni, rivelatisi “abusivi” perché non autorizzati dalla direzione del nosocomio. La centrale organizzativa della truffa é stata individuata in provincia di Napoli. L’operazione ha anche portato al sequestro di 291 titoli professionali rilasciati a conclusione dei corsi e di 570 mila euro, risultati provento dell’attività illecita.